ilCurioso Magazine - Itinerari, Degustazioni, Eventi

Il Giardino 2016

Chi non ama trascorrere del tempo all’aria aperta, magari rilassandosi sul divano mentre il sole filtra con delicatezza attraverso la tr...



Chi non ama trascorrere del tempo all’aria aperta, magari rilassandosi sul divano mentre il sole filtra con delicatezza attraverso la trama fitta di un ombrellone? Il sogno di tutti può trasformarsi finalmente in realtà con le proposte firmate da alcuni dei più famosi marchi specializzati in questo settore. Che si tratti di un ampio giardino o semplicemente di un angolo verde ricavato sul terrazzo, ognuno può e deve trovare i mobili ideali per rispondere ai propri gusti. A tal proposito credo sia opportuno indicare alcuni semplici consigli effettuare il FATIDICO acquisto!

1 Scegli bene il materiale (pensando anche alla manutenzione!)
LEGNO: bello e caldo quando è nuovo, si usura presto se non è trattato con impregnanti specifici. Opta per i legni duri, come eucalipto, acacia e soprattutto teak, resistente alle intemperie, durevole e insensibile alle muffe e agli insetti. Manutenzione: per evitare che l’originale color miele assuma una tonalità grigio-argentea, una volta all’anno (a inizio o fine stagione) idrata e nutri le fibre con cere e oli protettivi da passare con un panno o con il pennello.

METALLO: solido e stabile, è soggetto alla ruggine se non viene zincato e verniciato a polvere. Meglio scegliere leghe di alluminio e acciaio inox sottoposti a trattamenti anti corrosione: lo riconosci dalla dicitura ‘Indice’ seguita da un numero (per esempio Indice 22), corrispondente a quanti trattamenti protettivi ha subito. La verniciatura deve essere antigraffio in polvere 100% poliestere anti UV.
Manutenzione: ogni uno o due mesi usa un detergente neutro non abrasivo.

FIBRE SINTETICHE: si chiamano ecorattan, polyrattan, all weather, rattan sintetico: sono gli intrecciati di nuova concezione che imitano le fibre naturali. Rivestono un telaio in alluminio e resistono ottimamente ai raggi UV, all’acqua, al cloro, agli sbalzi di temperatura e alla salsedine, perciò sono pratici e versatili.
Manutenzione: è bene lavarli ogni 3 settimane passando dell’acqua e poco sapone neutro, usando una spazzola a setole morbide.

 2 Prendi le misure
Anche in un living all’aperto bisogna badare alle misure degli arredi e alle distanze minime fra di essi. Se scegli dei divanetti snelli a due posti e a profondità ridotta (per esempio da cm 120/150x60/65p), prevedi 40 cm tra divano e poltroncine (ne trovi da cm 80x60p o cm 70-75x60p senza braccioli) e non meno di 50 cm tra le sedute e il tavolino basso.
Spazi mini? Abbina un divanetto fisso a tripoline pieghevoli da aprire quando serve o a sedute jolly in&out (per esempio i pouf in tessuti outdoor) che puoi passare da dentro a fuori. Su un balcone stretto e lungo, opta per due poltroncine sui lati corti, disposte frontalmente.


3 Compra sempre tessuti garantiti
Prodotti utilizzando filati acrilici trattati per assicurare indeformabilità, tenuta dei colori nel tempo, resistenza all’acqua salata e clorata e ai raggi UV, i tessuti d’arredo per outdoor devono avere un’etichetta che ne dichiara le qualità e una garanzia di almeno 5 anni: controlla sempre che ci siano. Una sicurezza in più?
Chiedi che abbiano subito trattamenti extra che li rendono oleorepellenti (resistenti all’unto e al grasso) e con potere autopulente contro lo sporco ‘urbano’ da smog. In queste pagine una breve carrellata di alcuni prodotti interessanti trovati navigando sul web.
A voi la scelta! Claudia Grussu

ALTRE NOTIZIE CHE TI POTREBBERO INTERESSARE

0 commenti

Post più popolari